Ottimismo: una prospettiva di vita

Ottimismo? Si, grazie!

Ottimismo
Foto: Copyright@ DivertiLavoro.it – All rights reserved

 

 

ottismoMa tu….come vedi questo bicchiere? Mezzo vuoto o mezzo pieno?

Domanda alla quale avrete risposto miriadi volte nel corso della vostra vita!

Sembrerà banale ma qualunque cosa facciamo nella vita o  obiettivo ci poniamo, ricordiamoci che l’Ottimismo gioca un ruolo fondamentale e può garantire il  nostro successo o l’insuccesso.

Ma cos’è l’Ottimismo?

L’Ottimismo è innazitutto una: “Prospettiva di vita” e ci permette di vedere ciò che ci circonda da una nuova prospettiva del tutto originale conferendogli  una connotazione positiva.

Il “Corriere della  sera” lo definisce come:

“Disposizione a condividere la vita in una prospettiva positivae negli aspetti più belli. Tendenza a vedere le la soluzione migliore”  (dizionari.corriere.it).

In poche parole, l’Ottimismo è:

“Uno stato naturale del cervello che decide sempre il meglio. Un modo di concepire le cose ed indirizza le nostre energie al meglio” (www.riza.it, la via del benessere).

La felicità non esiste, siamo noi che la  rendiamo tale con il nostro atteggiamento mentale. Anche per quanto riguarda l’argomento “lavoro”.  Non è il lavoro che ci rende felici o infelici ma è il modo in cui lo svolgiamo a cambiare la prospettiva  delle cose. Se ci sentiamo delle persone abili e  capaci nello svolgimento delle proprie mansioni, allora ci sentiremo meglio anche con noi stessi e soddisfatti nella vita. Riusciremo farci amare da chi ci circonda e se siamo alle prese con un colloquio di lavoro, daremo un’ottima impressione di noi.

Se siamo i primi a credere in noi stessi allora ci crederanno anche gli altri ma se noi stessi non abbiamo in fiducia nelle nostre capacità, nemmeno gli altri potranno  farlo.

Le persone pessimiste di contro, sottovalutano i propri successi credendoli degli eventi eventi eccezionali, dovuti al caso e non alle abilità personali (www.riza.it).

Il successo nel lavoro (e nella vita) dipende dall’Ottimismo e da come vediamo le cose  e ci atteggiamo nei confronti della  vita.

Le persone ottimiste:

  • Si sentono in grado di  influenzare gli eventi

  • sono maggiormente propensi ad assumersi rischi

  • sono maggiormente determinati a lottare per raggiungere i propri obietti. Guardano avanti e non si fanno vincere dalle paure e dalle ansie.

Infine, sono maggiormente in grado di gestire le emozioni nei momenti di forte stress e tensione (www.carein.eu).

Ma……si può imparare ad essere Ottimisti?

Certo che lo si può.

L’Ottimismo è una condizione di base connaturata con la sopravvivenza dell’uomo (es. riproduzione biologica, sistema immunitario, essere longevi, etc). Se così non fosse, l’uomo non avrebbe potuto evolversi e sopravvivere. L’Istinto di Sopravvivenza ci ha guidato fin dalle nostre origini  ad oggi (www.riza.it).

ottimismo
Ottimismo: Impara a prendere quota e volare in alto senza paura di cadere!

Quindi, cari amici, da ora in poi: imparate a guardare il mondo da un’altra angolazione. Fino ad ora lo avete visto dal basso verso l’alto comportandovi da pedine e spettatori passivi, da ora in poi….guardatelo dall’alto verso il basso e siate voi il Pilota della vostra vita. Prendete quota e volate sempre più in alto senza paura di cadere. Male che vada……potrete sempre aprire il paracadute!

 

Bigliografia

 

  • dizionari.corriere.it (Dizionario on line di “Corriere della Sera”)

  • www.carein.eu, sez. “notizie” art. “Essere ottimisti sul lavoro, paga”. Progetto finanziato dalla Commissione Europea, num. ES/09/LLP. Ld/TOI/149026 sull’impatto delle carattesistiche psicologiche sulla soddisfazione lavorativa.  Condotto presso Wroclow University of Technologien nel 2009.

  • www.riza.it, la via del benessere. Art. “Ottimisti sul lavoro, si può?”, sez. “psicologia”,”L’aiuto pratico”.

Condividimi sui Social...Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Print this page
Print
Email this to someone
email